L’infertilità è uno dei problemi principali riscontrati dalle coppie di oggi, con effetti molto evidenti a livello psicologico.
Le cause principali dell’infertilità? Possono essere molteplici, così come non esserci; in questo caso si parla di infertilità idiopatica.
Sia nei casi di infertilità maschile sia in quelli di infertilità femminile, il ruolo principale è giocato dallo stress ossidativo.

Stress ossidativo e infertilità. Cosa li accomuna?

Lo stresso ossidativo, che consiste in uno squilibrio tra i radicali liberi e gli antiossidanti, influenza l’intera durata della vita riproduttiva di uomini e donne.
I radicali liberi in eccesso, infatti, generano il suddetto stress ossidativo, che può mettere in pericolo la sopravvivenza cellulare, favorendo i processi patologici che determinano infertilità.
Il ruolo degli antiossidanti è proprio evitare la sovraesposizione dell’organismo all’azione dei radicali liberi.
Come influisce lo stress ossidativo sull’infertilità? Esso compromette la qualità dei gameti e il modo in cui essi interagiscono, generando problemi relativamente a ovociti, spermatozoi, embrioni e alle condizioni nelle quali essi dovrebbero agire per garantire un naturale concepimento.

Stress ossidativo e infertilità maschile

L’infertilità maschile si verifica quando c’è un’alterazione della normale produzione, maturazione, motilità e fuoriuscita degli spermatozoi.
Questo succede perché i radicali liberi in eccesso, in condizione di stress ossidativo, stressano i gameti maschili alterando, in alcuni casi, le caratteristiche morfologiche dello spermatozoo (struttura della testa o della coda) e il suo codice genetico.

Stress ossidativo e infertilità femminile

Quando i radicali liberi aumentano, quindi in condizioni di stress ossidativo, possono generare danni molto seri alla struttura delle cellule, generando determinate patologie, che contribuiscono all’infertilità femminile.

Sindrome dell’ovaio policistico.
Si manifesta con irregolarità del ciclo ed è caratterizzata da iperandrogenismo e acne nella maggior parte dei casi di donne infertili.
Questa patologia è associata a una ridotta concentrazione di antiossidanti (in particolare i bassi livelli di GSH – Glutatione) e quindi allo stress ossidativo.

Endometriosi
Si verifica quando alcune cellule endometriali (normalmente presenti solo all’interno della cavità uterina) migrano e colonizzano altri organi (più comunemente l’ovaio ed il peritoneo pelvico). Questa patologia può essere asintomatica, ma può in alcuni casi ridurre le probabilità di concepimento.

Infertilità idiopatica
Si tratta di infertilità non determinata da alcuna patologia. Non esiste un comprovato rapporto di causalità tra stress ossidativo e infertilità idiopatica, ma alcune evidenze ci portano a vedere un certo legame.
Innanzitutto già il fatto che gli ovuli sono sensibili all’eccesso di radicali liberi può essere un indizio.
Il secondo indizio ci arriva da un articolo un po’ datato pubblicato sulla rivista polacca Ginekologia Polska (Marzo 1999; n. 3; pag. 135-40), dove si legge che esistono livelli più elevati di radicali liberi nel liquido peritoneale aspirato da pazienti con infertilità idiopatica, rispetto alle donne fertili.

banner-articoli-desktop
banner-articoli-mobile

Stress ossidativo e infertilità. Il rimedio si chiama Glutatione

Come si combatte lo stress ossidativo, principale causa di infertilità? Con il più importante antiossidante prodotto dall’organismo umano: il Glutatione, un composto di cisteina, glicina e glutammato.
Si tratta di un naturale ossido riduttore, che partecipa direttamente alla neutralizzazione dei radicali liberi e delle specie reattive dell’ossigeno e al mantenimento di antiossidanti esogeni, quali vitamina C ed E, nella loro forma ridotta.
La carenza di Glutatione:

  • Nell’uomo può provocare instabilità negli spermatozoi, causandone una motilità difettosa. La sua integrazione può migliorare la qualità del liquido seminale, in quanto protegge la membrana plasmatica dalla perossidazione lipidica, spazza via i superossidi e previene la formazione di ossigeno
  • Nella donna può determinare un invecchiamento prematuro delle cellule. Il Glutatione, infatti, protegge gli ovociti durante la follicologenesi, agendo sulla la qualità degli ovociti stessi

Ecco come migliorare i livelli di Glutatione per combattere l’infertilità:

  • Consumo di alimenti ricchi di zolfo come aglio, cipolla, cavolo, cavolfiore, broccoli
  • Consumo di integratori alimentari per la fertilità che favoriscono la sintesi del Glutatione
  • Consumo di proteine del siero di latte bioattive presenti nel latte non pastorizzato e non prodotto industrialmente
  • Attività fisica
Post recenti
0
0
0
0

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca